| Home | Indice ipertesto | Razze | Curva di lattazione | Azienda tipo | Zootecnia biologica | Latte | Formaggio | Burro | Yogurt | Mappa del sito |

 

Azienda tipo del milanese
| Dati statistici | Foto | Gestione mandria | Selezione genetica | Visita aziendale |

L’azienda da latte media delle province di Milano e Lodi alleva  320 capi, di cui 150 circa sono vacche in mungitura, di razza Frisona, il rimanente sono manze, vitelle e asciutte.  
La produzione media (dati A.P.A., 2001)
è di 9.252 Kg / capo / anno, con il 3,49% di grasso e il 3,23% di proteine.
La campagna può misurare sui 100 ettari ed è solitamente destinata per intero alla produzione di foraggi per il bestiame: fieno e mais, da insilato o granella.
La base dell’alimentazione sono i foraggi aziendali, che però difficilmente soddisfano gli elevati fabbisogni energetici e proteici delle vacche da latte e quindi vanno integrati con mangimi acquistati esternamente da ditte specializzate.
Il latte viene pagato a qualità e rappresenta la principale entrata dell’azienda. Subito dopo la mungitura viene raccolto in un tank frigorifero e una volta al giorno passa un’autocisterna dell’industria acquirente a ritirarlo.


Tecniche di produzione a confronto

Stalla specializzata da latte 
(tipica azienda moderna)

Azienda agricola di una volta

Azienda specializzata
(solo bovine da latte di razze specializzate
I vitelli maschi vengono venduti a pochi giorni di vita
Cascina con diverse specie di animali: 
vacche, cavalli, maiali, galline, …
Animali molto produttivi
(la produzione media delle vacche della provincia di Milano del 2001 è di 9.252 Kg latte /anno, con punte di 13.000/14.000 kg)
Animali mediamente produttivi
(con produzioni medie di 4.000-5.000 kg/vacca/anno)
Mungitura meccanica
(in sala di mungitura o con il robot)
Mungitura manuale
Fecondazione artificiale
(
con uso di tori provati miglioratori)
a volte abbianata alla tecnica di Trapianto degli embrioni
Fecondazione naturale (con toro)
Alimentazione razionale
 costante tutto l’anno, bilanciata, pesata (carri unifeed, autoalimentatori,…)
Alimentazione stagionale:
secco d’inverno, pascolo o erba in estate
Gestione computerizzata
(podometro, lattometro, autoalimentatori, gestione mandria, gestione costi,..)
Registrazione dati manuale o mancata registrazione dati
Estrema meccanizzazione:
mungitura meccanica, 
sistemi automatizzati di pulizia stalla,
distribuzione meccanica alimenti,
macchine specialistiche per la campagna,
controllo computerizzato della mandria
Molta manodopera
Stabulazione libera Vacche legate
Vita produttiva degli animali ridotta Vacche più longeve
  Problema dello smaltimento dei reflui (liquami) Produzione di letame