Piano di Sviluppo Rurale 2000 – 2006

Disposizioni attuative

Misura q (3.17)

 

Gestione delle risorse idriche in agricoltura

 

PREMESSA

La misura persegue l’obiettivo di migliorare la gestione delle risorse idriche in agricoltura, tenuto conto delle relazioni con l’ambiente, il territorio rurale e il paesaggio agrario, con particolare riferimento alla salvaguardia della risorsa idrica, alla razionalizzazione della gestione delle risorse idriche in agricoltura, alla promozione del risparmio idrico e dell’utilizzo plurimo delle acque e alla salvaguardia e valorizzazione del territorio rurale e del paesaggio agrario.

  

RIFERIMENTI NORMATIVI

Titolo II Capo IX, art. 33 – VIII trattino del Regolamento C.E. 1257/99 

 

1. BENEFICIARI

Possono accedere agli aiuti previsti dalla misura:

                i Consorzi di bonifica di I e di II grado e loro organismi associativi;

                i Consorzi che abbiano adottato e pubblicato il programma provvisorio di bonifica.

           

 

2. TIPOLOGIE D’INTERVENTO

 

a)      Nuove realizzazioni e manutenzioni straordinarie di opere a servizio del sistema idraulico-territoriale, comprensive di progettazione, finalizzate a garantire la salvaguardia ambientale, la tutela e la valorizzazione del territorio rurale e del paesaggio, tra cui:

                vasche di laminazione;

                bacini di fitodepurazione;

                creazione di zone umide;

                valorizzazione ambientale e ricreativa di strade alzaie;

                ristrutturazione e valorizzazione di manufatti ed edifici idraulici con valenza storica, culturale e/o paesaggistica;

                applicazione di tecniche di ingegneria naturalistica;

                recupero di fontanili.

 

b)      Nuove realizzazioni e manutenzioni straordinarie di opere idrauliche, comprensive di progettazione, finalizzate alla salvaguardia e al razionale utilizzo della risorsa idrica in termini qualitativi e di risparmio idrico e/o all’utilizzo plurimo delle acque, tra cui:

                interventi di riordino idraulico irriguo e/o di bonifica;

                realizzazione e manutenzione straordinaria di canali (consolidamenti spondali ed arginali, risezionamenti, impermeabilizzazioni, tombinature ecc.), manufatti, impianti e opere di servizio;

                realizzazione e manutenzione straordinaria di opere di captazione delle acque sotterranee; 

                realizzazione e manutenzione straordinaria di impianti pluvirrigui;

                modifiche di tracciato di canali esistenti;

                utilizzo a fini irrigui delle acque di depurazione;

                utilizzo di salti idraulici a scopi energetici.

 

 

c)      Realizzazione e sviluppo di sistemi e applicazione di tecnologie innovative per la gestione, l’utilizzo e la salvaguardia della risorsa idrica, comprensivi di progettazione, tra cui:

                sistemi per l’automazione del funzionamento di opere idrauliche e per il telecontrollo;

                sistemi di telerilevamento;

                sistemi per l’informatizzazione territoriale del catasto;

                sistemi informativi geografici;

                applicazione di tecnologie avanzate per il risparmio energetico e/o l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili.

 

 

3. ENTITÀ DEGLI AIUTI

 

Il contributo è pari all’80% dell’importo ammesso a finanziamento per gli interventi di cui alle lettere a) e b) e pari al 90% per gli interventi di cui alla lettera c).

 

 

4. CONDIZIONI DI AMMISSIBILITA’       

 

Prerequisito per l’ammissione al finanziamento degli interventi è che gli stessi rientrino tra quelli previsti dai documenti di programmazione regionale e comprensoriali in tema di bonifica, attualmente costituiti da: il programma regionale per la bonifica e il riordino irriguo, i programmi provvisori di bonifica, i programmi comprensoriali di bonifica e gli schemi previsionali triennali ex l.r. 59/84.

 

 

5. LIMITI E DIVIETI

 

Gli importi finanziabili devono essere compresi tra 50.000 e 1.000.000 di Euro.

Non vengono finanziati interventi che comportino un aumento della Superficie Agraria Utilizzata.

 

Non vengono concessi contributi per opere già realizzate o i cui lavori siano iniziati al momento della presentazione della domanda.

 

In via transitoria, per le domande presentate entro il 30 giorni dalla pubblicazione sul B.U.R.L. della presente circolare le spese ammissibili sono quelle effettuate dopo il 3/1/2000 (data di fatturazione).

 

 

 

 

 

6. ZONIZZAZIONE

 

La misura si applica al territorio classificato di bonifica sulla base dell’art.5 della l.r. 59/84 e successive modificazioni, ovvero nei Comuni elencati nell’allegato 3 del Piano di Sviluppo Rurale.

 

7. PRIORITÀ    

 

Per la formulazione della graduatoria degli interventi finanziabili verranno seguiti i criteri di seguito specificati, con l’applicazione dei relativi punteggi.

                                                                                                                              Punteggi max

___________________________________________________________________________

 

a. Criteri riferiti al beneficiario                                                                                                20

___________________________________________________________________________

 

a1. Caratteristiche del territorio gestito                                                                                         10

         Superficie gestita

         Densità di popolazione

         Incidenza delle aree urbanizzate

         Caratteristiche dell’agricoltura

 

a2. Problematiche idrauliche del territorio gestito                                                                          10

         Rapporto tra superficie soggetta a scolo meccanico perenne e superficie gestita

         Rapporto tra superficie soggetta a scolo meccanico alternato e superficie gestita

         Rapporto tra superficie irrigua e superficie gestita

         Incidenza degli scoli dei bacini pedemontani

 

___________________________________________________________________________

 

b. Criteri riferiti agli elaborati progettuali e all’innovatività del progetto                            20

___________________________________________________________________________

 

b1. Qualità degli elaborati progettuali                                                                                            12

         Chiarezza ed esaustività

         Accuratezza

 

b2. Innovatività del progetto                                                                                                             8

         Adozione di tecniche realizzative innovative

         Adozione di soluzioni progettuali innovative

 

___________________________________________________________________________

 

c. Criteri riferiti all’intervento                                                                                                 60

___________________________________________________________________________

 

c1. Indirizzi della programmazione regionale                                                                                20

         Soluzione di problematiche relative agli assetti idraulico-territoriali

         Soluzione di problematiche dell’area territoriale

         Soluzione di problematiche di difesa del suolo

 

c2. Coinvolgimento di altri enti e istituzioni                                                                                    10

         Cofinanziamento

         Accordi quadro, convenzioni etc.

         Partecipazione alle gestione dell’opera

 

c3. Tematiche generali prioritarie                                                                                                   10

         Uso plurimo delle acque

         Risparmio risorsa idrica

         Tutela della qualità delle acque

         Conservazione, riqualificazione e aggiornamento tecnologico dei sistemi di bonifica

 

c4. Applicazione di tecnologie innovative                                                                                      10

         Adozione di strumenti tecnologici avanzati

         Uso di strumenti informatici

         Presenza di sistemi di automazione, telecontrollo etc.

 

c5. Salvaguardia e valorizzazione dell’ambiente e del paesaggio                                            10

         Adozione di tecniche di bioingegneria         

         Salvaguardia e valorizzazione del paesaggio agrario

         Multifunzionalità dell’intervento (idraulica, ricreativa, ambientale, culturale)

 

 

Le soglie minime per l’ammissibilità dei progetti sono stabiliti in relazione ai tre gruppi di priorità nei seguenti punteggi:

 

a. Criteri riferiti al beneficiario                                                                                                       5

b. Criteri riferiti al consenso sul progetto e agli elaborati progettuali                                       5

c. Criteri riferiti all’intervento                                                                                                        20

 

 

 

8. STRUMENTI E PROCEDURE DI ATTUAZIONE

 

 

8.1     Presentazione delle domande

 

          Le domande per accedere ai contributi, redatte sul modello unico di adesione al Piano di sviluppo rurale, devono pervenire al Protocollo della Regione Lombardia presso la sede centrale o gli uffici periferici, a decorrere dall’1 settembre 2000.

Alla domanda, redatta per singolo progetto, deve essere allegato il relativo progetto preliminare costituito almeno dai seguenti elaborati:

 

1.      relazione tecnico-illustrativa;

2.      studio di prefattibilità ambientale, ove necessario;

3.      indagini geologiche e idrogeologiche preliminari, ove necessario;

4.      planimetria generale e schemi grafici;

5.      prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza;

6.      calcolo sommario della spesa.

 

Inoltre le richieste devono essere corredate della “Scheda Misura q (3.17)”. Infine ogni richiedente deve presentare un elenco degli interventi previsti nel triennio.

Nel computo della spesa ammessa sono comprese le spese tecniche generali, nella misura massima del 10% dell’importo dei lavori e di eventuali oneri per espropri, e le spese relative alla redazione del piano di sicurezza e al coordinamento della stessa nei cantieri di lavoro, nella misura massima del 3% dell’importo dei lavori.

 

In fase di rendicontazione finale le spese tecniche generali e le spese relative alla sicurezza sono complessivamente riconosciute fino a un massimo del 12% dell’importo dei lavori e di eventuali oneri per espropri e solo se adeguatamente documentate.

 

Le domande per il triennio 2002-2004, corredate di tutta la documentazione sopra specificata, devono essere presentate entro il 15 febbraio 2001.

 

Eventuali integrazioni allo schema triennale o nuove istanze possono essere presentate entro il 15 febbraio di ogni anno, fino al 2004.

 

8.2     Valutazione delle domande

 

La Direzione Generale Agricoltura della Regione Lombardia provvede all’esame istruttorio delle domande per il triennio 2002-2004 presentate dai richiedenti entro il 15 febbraio 2001.

 

La Direzione Generale Agricoltura, sulla base dell’istruttoria effettuata con l’utilizzo delle priorità di cui al paragrafo 7, approva con atto formale la graduatoria individuando altresì gli interventi finanziabili nel triennio e stabilendo, per ogni annualità del triennio, la disponibilità finanziaria.

 

La stessa graduatoria viene utilizzata per il finanziamento di ulteriori progetti qualora si rendessero disponibili risorse finanziarie derivanti da rinunce, economie di spesa etc.

 

La Direzione Generale Agricoltura, sulla base della graduatoria, comunica ad ogni richiedente l’esito dell’istruttoria e le modalità di ricorso.

 

In presenza di risorse finanziarie disponibili per la stessa finalità, la Direzione Generale Agricoltura provvede all’aggiornamento della graduatoria con le richieste presentate entro il 15 febbraio di ogni anno.

 

8.3     Concessione dei lavori

 

Entro 90 giorni consecutivi dalla data di ricevimento della comunicazione dell’esito positivo dell’istruttoria i beneficiari devono inoltrare il progetto esecutivo, corredato delle necessarie autorizzazioni e redatto secondo le norme vigenti in materia, al Servizio Tecnico Amministrativo Provinciale (STAP) competente per territorio e, per la provincia di Milano, alla Struttura Opere di genio civile e infrastrutture di interesse metropolitano della Direzione Generale Opere pubbliche, politiche per la casa e protezione civile.

 

Entro 60 giorni dalla data di ricevimento dei progetti esecutivi, il Servizio Tecnico Amministrativo Provinciale (STAP) competente per territorio e, per la provincia di Milano, la Struttura Opere di genio civile e infrastrutture di interesse metropolitano della Direzione Generale Opere pubbliche, politiche per la casa e protezione civile procede all’istruttoria tecnico-amministrativa e all’emissione del parere di competenza.

Ricevuti i progetti esecutivi, corredati dal parere degli uffici sopra richiamati, la Direzione Generale Agricoltura predispone i decreti di concessione dei lavori, comprendenti tra l’altro:

·        il quadro economico del progetto con l’importo della spesa ammessa e il relativo contributo;

·        le modalità di affidamento dei lavori;

·        il termine per la conclusione dei lavori, la cui durata non può essere superiore a 24 mesi;

·        le condizioni per la concessione di una eventuale e motivata proroga, di durata non superiore a sei mesi;

·        le modalità di erogazione del contributo.

 

8.4      Esecuzione degli interventi

 

Il ricevimento del decreto di concessione dei lavori consente ai beneficiari di procedere all’affidamento dei lavori e/o all’esecuzione degli interventi.

Per ottenere l’anticipo, oltre al certificato di inizio lavori, gli Enti di diritto pubblico sono tenuti a presentare, in luogo della fideiussione richiesta ai beneficiari privati, gli atti formali, adottati dal proprio organo competente, di approvazione dell’intervento richiesto e di assunzione di tutte le obbligazioni conseguenti e necessarie alla realizzazione dell’intervento stesso.

L’anticipo viene erogato nella misura massima del 90% del contributo.

 

 

8.5       Conclusione delle attività e saldo del contributo

 

Entro 90 giorni dall’ultimazione dei lavori, il beneficiario è tenuto a presentare, la contabilità finale allo STAP competente per territorio e, per la provincia di Milano, alla Struttura Opere di genio civile e infrastrutture di interesse metropolitano della Direzione Generale Opere pubbliche, politiche per la casa e protezione civile. Tale contabilità, corredata del parere tecnico di competenza, è inoltrata, entro 60 giorni, alla Direzione Generale Agricoltura che provvede alle necessarie procedure per l’erogazione del saldo del contributo.

 

 

8.6      Obblighi e sanzioni

 

L’inosservanza delle prescrizioni alle quali è subordinata la concessione dei contributi comporta la revoca dei benefici finanziari concessi e il recupero delle somme erogate.

 

8.7         Disposizioni transitorie

 

In fase di prima applicazione delle presenti disposizioni e unicamente per gli interventi da realizzarsi nell’anno 2001, la Direzione Generale Agricoltura esamina i progetti contenuti negli schemi previsionali triennali 2000-2002, pervenuti alla Regione Lombardia sulla base della deliberazione della Giunta Regionale n. VI/48490 del 24 febbraio 2000, o inviati successivamente e comunque entro il 30 settembre 2000. In ogni caso i richiedenti devono presentare domanda di finanziamento redatta sul modello unico di adesione al Piano di sviluppo rurale e corredata della “Scheda Misura q (3.17)”, entro il 30 settembre 2000.

Sulla base di questi progetti la Direzione Generale Agricoltura provvede alla formazione di una graduatoria valevole soltanto per l’anno 2001.

 

 

9. RICORSI

 

Avverso le comunicazioni di esiti dell’istruttoria sono esperibili alternativamente:

a)      ricorso gerarchico, ove ne ricorrano i presupposti, alla Direzione Generale Agricoltura della Regione Lombardia entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione;

b)      ricorso giurisdizionale al T.A.R. competente entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione;

L’esame del ricorso gerarchico deve concludersi entro 90 giorni dalla presentazione dello stesso, salvo ulteriori comprovate necessità istruttorie da parte della Amministrazione che dovranno essere comunicate all’interessato. La presentazione del ricorso gerarchico interrompe i termini di presentazione del ricorso giurisdizionale.

 

Avverso gli esiti del ricorso gerarchico sono esperibili:

a)      ricorso giurisdizionale al T.A.R. competente entro 60 giorni dal ricevimento della comunicazione dell’esito del ricorso gerarchico;

b)      ricorso straordinario al Capo dello Stato entro 120 giorni dal ricevimento della comunicazione dell’esito del ricorso gerarchico.

 

10.  CONTROLLI

Il controllo viene effettuato sul 100% degli interventi in fase istruttoria e di accertamento finale. Inoltre entro i primi 5 anni dall’ultimazione degli investimenti verrà effettuato il controllo a campione di almeno il 5% dei beneficiari per la verifica del mantenimento della funzionalità delle opere realizzate.

Agenda 2000                                                                                                       torna su