collegamento alla home page Cia nazionale

torna all'home page della Cia Lombardia info 75 x 75.jpg (8505 byte)
L'intervista al Presidente

LA CONFEDERAZIONE ITALIANA AGRICOLTORI 
DELLA LOMBARDIA

La Confederazione Italiana Agricoltori  è un'associazione di categoria laica, autonoma dai partiti e dai governi. Opera in Italia, in Europa e a livello internazionale per il progresso dell'agricoltura, per la difesa dei redditi e per la pari dignità degli agricoltori nella società.

 

 

 

E' una delle più grandi organizzazioni professionali agricole europee. Gli iscritti sono oltre 900.000.

 

 

 

Autonomia, laicità, ricerca dell'unità tra gli agricoltori, sono le opzioni di fondo su cui si basa l'intera strategia della Confederazione, per il progresso del settore economico primario a livello regionale, nazionale ed internazionale.

La Confederazione Italiana Agricoltori (Cia) è un'associazione di categoria, laica, autonoma dai partiti e dai governi. Opera in Italia, in Europa e a livello internazionale per il progresso dell’agricoltura, per la difesa dei redditi e per la pari dignità degli agricoltori nella società. Organizza gli imprenditori agricoli e tutti coloro che sono legati all’attività agricola da rapporti non transitori.

 

La Cia si articola in associazioni di categoria, istituti e società che operano per la sicurezza alimentare e la salvaguardia dell’ambiente, nel campo dell’assistenza previdenziale, sociale, sanitaria, fiscale e tributaria, della consulenza tecnica, della formazione, dell’assicurazione, dell’agriturismo, dell’agricoltura biologica e per la tutela degli anziani, delle donne e dei giovani.

 

La Confederazione ha rappresentanti nei maggiori organismi internazionali, comunitari, regionali e provinciali.

 

È stata fondata nel 1977 con il nome di C.I.C. (Confederazione Italiana Coltivatori), dalla fusione di alcune organizzazioni già esistenti di rappresentanza del mondo agricolo: l'Alleanza Contadini, la Federmezzadri e l'Unione Coltivatori Italiani Al suo quinto congresso, tenutosi nel giugno 1992, ha cambiato denominazione in quella attuale di Confederazione italiana agricoltori, con l’obiettivo di valorizzare il ruolo moderno dell’agricoltore e della sua impresa. 

La Cia è una della più grandi organizzazioni professionali agricole europee. Gli iscritti sono oltre 900.000, di cui un terzo imprenditori agricoli e la restante parte lavoratori agricoli subordinati, compartecipanti familiari, coadiuvanti, tecnici, pensionati.

 

La Confederazione ha una struttura nazionale e sedi regionali, provinciali e locali. E’ presente in tutte le regioni e le provincie italiane. Le sede zonali permanenti sono 417 e garantiscono una presenza capillare dei propri operatori nella maggioranza dei comuni della penisola.

Una sede di rappresentanza Cia è presente anche a Bruxelles.


La Cia Lombardia ha sede a Milano, in piazza Caiazzo 3.

Il sedi provinciali sono presenti in tutti i capoluoghi lombardi e in diversi comuni, assicurando anche ai cittadini delle aree più marginali la propria azione di tutela organizzata e di assistenza alle esigenze imprenditoriali.

La Cia in Lombardia associa oltre 6.000 titolari di aziende, su un totale complessivo di oltre 25.000 soci. L’adesione è libera e volontaria e tutti gli iscritti hanno uguali diritti e doveri.

Autonomia, laicità, ricerca dell’unità tra gli agricoltori sono le opzioni su cui si basa l’intera strategia della Confederazione, per il progresso del settore economico primario a livello regionale, nazionale ed internazionale.