News
   
 
 
 

Consumi domestici di prodotti biologici nel primo semestre 2009: in aumento

Secondo i dati provenienti dal panel di famiglie italiane Ismea/Nielsen, gli acquisti domestici di prodotti biologici confezionalti sono aumentati in termini monetari del 7.4% nel primo semestre 2009, registrando quindi un incremento superiore a quello rilevato nel 2008 (+ 5,4%). 

Continua quindi il buon andamento del comparto biologico, nonostante il perdurare della crisi economica e considerato anche l'andamento dei consumi alimentari nel loro complesso, rimasti sostanzialmente stabili in valore nel primo semestre 2009.

Il trend registrato nel primo semestre 2009è trainato dai forti aumenti da alcune categorie di prodotti biologici, e precisamente l'ortofrutta fresca e trasformata (+ 37,8%), le uova (+ 24%), le bevande alcoliche e non alcoliche (+ 11,6%), il miele (+ 10,4%9 e di gelati e surgelati (+ 7%).

La distribuzione della spesa rimane simile a quella degli ultimi anni: ortofrutta fresca e trasformata (confetture), lattiero caseari e prodotti per la prima colazione sono in ordine di importanza le categorie a maggior consumo, e nel loro complesso coprono oltre il 55% del totale degli acquisti.

Come negli anni passati, il consumo domestico di prodotti bio nel primo semestre 2009 si concentra maggiormente nelle regioni settentrionali del paese (Nord Ovest 43,8%, Nord Est 28,%) mentre il Centro, il Sud e le isole rivestono ancora un peso minore. Anzi, effettuando un confronto tra la suddivisione degli acquisti di bio confezionato per area geografica tra l'inizio degli anni duemila e il 2008, si nota che lo sbilanciamento dei consumi tra Nord Italia e resto del paese si è accentuato in questo arco di tempo.

La crescita delle vendite nel primo semestre 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008 ha interessato quasi tutti i canali distributivi monitorati dalla ricerca: continua la crescita di vendite nei supermercati e negli ipermercati (con un andamento in questi ultimi migliore che nei primi). un incremento notevole si registra nelle superette, cui si contrappone un calo della stessa entità nei negozi tradizionali. Crescono invece i consumi nei discount, anche se essi rivestono un ruolo ancora limitato nell'ambito del biologico.

Il prodotto bio più consumato in termini monetari, sempre nel primo semestre 2009, è ancora rappresentato dalle uova, seguite dal latte fresco e in terza posizione dallo yogurt. Per quanto riguarda gli ortaggi bio freschi e sfusi sono cersciuti nei primi sei mesi del 2009 del 2,6% rispetto al medesimo periodo 2008 e tutti i prodotti presentano interessanti tassi di crescita. quanto alla frutta la maggiornaza dei prodotti monitorati ha segnato un incremento di acquisti rispetto ai primi sei mesi 2008.

;Maggiori dettagli nel rapporto Ismea.




                                                                           Settembre 2009


torna al sommario