News
   
 
 
 

Api e divieto dei neonicotinoidi: i risultati in un convegno a Milano


Il 27 luglio, a Milano, presso la Sala Auditorium della Regione Lombardia, le associazioni degli apicoltori ApiLombardia,Unaapi e Conapi, con Legambiente, Slowfood e Aiab hanno organizzato un convegno per un'analisi e una valutazione dei risultati della messa al bando, un anno fa, dell'uso dei neonicotinoidi, nemici delle api, per la concia del seme del mais per combattere la diabrotica. Quest'anno le api stanno decisamente meglio degli anni passati, un milgioramento evidentemente collegato al divieto dell'uso dei neonicotinoidi. A distanza di quasi un anno dalla sospensione di queste sostanze ad azione neurotossica  infatti, non si sono pi registrate denunce di spopolamento di alveari, n segnalazioni da parte degli apicoltori che da 10 anni, e in particolare nel biennio 2006-2008, hanno visto svuotarsi i loro apiari. Le evidenze scientifiche sono chiare ed indicano che i neonicotinoidi sono nocivi per la vita delle api, preziosi bioindicatori dello stato di salute dell'ambiente in cui vivono e che condividono con l'uomo, indispensabili per l'impollinazione, che interessa circa il 75% della produzione agricola destinata al consumo umano. I numeri e le conseguenze della grave moria degli anni scorsi sono evidenti. La produzione nel 2008 di miele crollata del 50% riducendosi a 7 mila tonnellate. Proseguire su questa strada quindi, pu solo comportare un devastante impatto ambientale. Per questo motivo, indispensabile che i servizi agricoli regionali nei comprensori infestati da Diabrotica attuino piani di contenimento del parassita basati sull'effettivo divieto della monocoltura in monosuccessione. Il mais una coltura preziosa per le produzioni agrozootecniche della Pianura Padana.Occorre recuperare i tradizionali metodi di rotazione che permettono di ridurre i trattamenti con sostanze chimiche in campo, tutelando sia le api che gli agricoltori, che i consumatori finali" "Per questo - hanno ribadito le associazioni nel corso dell'incontro - chiediamo al Ministero della Salute intervenire subito in maniera adeguata, e di indicare quali misure saranno attuate per l'imminente scadenza del decreto di sospensione dell'utilizzo di concianti per il mais a base di sostanze neurotossiche e neonicotinoidi."

                                                                           Agosto 2009


torna al sommario