News
   
 
 
 

Domande di aiuto per il sostegno alle produzioni agricole biologiche: aperto il bando - scadenza 15 maggio 2009

Pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia (2° Supplemento Straordinario al n. 14  - 31.03.09) e nel sito della Direzione Generale Agricoltura (www.agricoltura.regione.lombardia.it ) il bando che apre i termini per la presentazione delle domande di aiuto per l'adesione alle misure agroambientali (misura 214 del Programma di Sviluppo Rurale della Regione Lombardia),  tra le quali l'Azione E - misure di sostegno alle produzioni agricole biologiche.

L'azione si applica su tutto il territorio regionale, con priorità nell'ordine alle aree "sensibili" sotto il profilo ambientale: aree Natura 2000, aree a Parco e Riserva Naturale,  zone vulnerabili ai nitrati, Aree Svantaggiate. La superficie oggetto di pagamento è quella compresa nel territorio della Regione Lombardia, ma sono ammessi a pagamento anche i terreni aziendali situati in comuni limitrofo al confine regionale a condizione che siano contigui con quelli situati nel territorio della Lombardia.

Il premio è corrisposto per ettaro di superficie dichiarata "biologica" o "in conversione al metodo biologico" secondo il Reg. CE 834/2007, con un minimo annuale di 140€/ha e un massimo di 600€/ha, secondo la tipologia di coltura praticata e secondo che la superficie sia già a biologico oppure in conversione (in questo secondo caso l'entità del premio è maggiore). Sono escluse da questa misura di aiuto prati, prati pascoli e pascoli situati nelle Aree Svantaggiate, orti e frutteti familiari, e colture florovivaistiche e vivai.

Condizioni e impegni
- L'azienda deve essere iscritta nell'elenco regionale degli operatori biologici, o almeno aver presentato notifica di attività biologica. La superficie minima oggetto di impegno per aderire all'azione è di 0,5 ha di SAU per Comuni classificati da ISTAT di collina o montagna, e di 1 ha di SAU in pianura.

- Per richiedere il premio previsto per le colture foraggere per la zootecnia biologica, l'aziende deve avere un allevamento certificato biologico, di consistenza non inferiore a 6 UB, Le colture foraggere devono essere destinate a produrre alimenti per il bestiame che devono essere utilizzati in azienda. Non sono ammissibili all'aiuto prati, avvicendati e non, prati pascoli e pascoli situati nelle Aree Svantaggiate. Possono fruire del premio le superfici aziendali così utilizzate nelle misura massima di 1 ettari per UB (collina e montagna) e 0,67 ettari per UB nelle aziende di pianura.

- La durata dell'impegno a condurre le superfici aziendali con metodo biologico nella campagna 2009 è di 5 anni a decorrere dal 1° gennaio 2009.
Tutta la SAU aziendale (ad eccezione di orti e frutteti familiari, coltivazioni florovivaistiche e vivai) devve essere convertita a biologico entro il 1° gennaio del 5° anno di impegno.
- condurre le superfici aziendali in conformità ai metodi di produzione definiti dal Reg. CE 834/2007;
- convertire tutta la SAU aziendale (ad eccezione di orti e frutteti familiari e colture florovivaistiche, al metodo di produzione biologica entro il 1° gennaio del quinti anno di imoegno, anche in caso di aziende miste, convertendo almeno il 20% della SAU "convenzionale" ogni anno;
- condurre l'allevamento in conformità al Reg. CE 834/2007 (premio per le colture foraggere biologiche).

Le domande ("domanda di aiuto" per chi la presenta per le prima volta nel 2009, "domanda di pagamento" per i beneficiari la cui domanda di aiuti presentata neiìl 2007 o nel 2008 è stata ammessa a finaziamento) devono essere presentate in formato elettronico tramite il Sistema Informativo della Regione Lombardia (SIARL) entro il 15 maggio 2009: quindi entro il 9 giugno in forma cartacea alla Provincia di competenza.

Per ogni informazione e per presentare le domande sono a disposizione gli uffici di Cia Lombardia e dei Centri Autorizzati di Assistenza Agricola. Consultare anche il sito della Direzione Generale Agricoltura della Regione Lombardia: www.agricoltura.regione.lombardia.it .

                                                                           Aprile 2009


torna al sommario